Ascoltate questa sera Zardins Magnetics/giovedì 19 maggio 2022

Zardins Magnetics di giovedì 19 maggio 2022

Questa sera ascolta Zardins Magnetics su Radio Onde Furlane, dalle ore 20 alle 21 e 30 circa.

Un invito all’ascolto della diretta ma anche del podcast per
questa e per le passate trasmissioni, che sono un pezzo interessante di
riflessione e rabbia

Stasera:
Musica, musica, musica
Note punk HC ribelli militanti forti

Ascolta la diretta:
FM 90.0 MHz
https://radioondefurlane.eu/

Riascolta le trasmissioni passate:
https://zardinsmagneticsradio.noblogs.org/

“Una rosa è una rosa è una rosa”
Georgia O’Keeffe
(Gertrude Stein, 1913, of course)

Pensieri, musica, parole:
Assemblea permanente contro il carcere e la repressione

Contatti di posta:
Associazione Senza Sbarre
Casella Postale 129 – Trieste centro
34121 Trieste

Canale Telegram:
https://t.me/zardins

Contatti di posta elettronica:
liberetutti@autistiche.org

Pubblicato in Autorganizzazione, musica | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Scienza, guerra e capitale nell’epoca dell’emergenza infinita

Sabato 21 maggio/ Nicoletta Poidimani a Taranto

Pubblicato in Capitalismo/ Neoliberismo, memoria, Movimenti, Storia, Storie, Territorio | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

22 maggio 2022/ Sardegna/ Manifestazione contro le basi!

22 maggio/Manifestazione contro le basi!!!

In questo momento la Sardegna si sta trasformando nella grande sala prove della guerra contro la Russia.

La NATO userà ancora una volta le terre di Sardegna per esercitarsi in vista dell’evolversi della situazione in Ucraina. Nel frattempo ancora una volta il Ministero della Difesa, da vero attore coloniale, impone l’ennesimo tributo al popolo sardo.

SARDEGNA TERRA DI NESSUNO, LA NOSTRA TERRA E’ UN GRANDE POLIGONO DI TIRO PER GLI ESERCITI DI MEZZO MONDO IN MEZZO AL MEDITERRANEO. MAGGIO DI BOMBARDAMENTI E SIMULAZIONI DENTRO E FUORI I POLIGONI MILITARI SULL’ISOLA.

https://www.facebook.com/aforas2016/

IL 22 MAGGIO TUTT* A TEULADA.
Brigata Sassari sulle falesie a Cala Gonone, incrociatori e navi militari (12 ormeggiate nel porto di Cagliari in questo momento) che girovagano tra Poetto, Villasimius e Pula, caroselli della Nato sui cieli di Barbagia e Baronia, LA SARDEGNA SI CANDIDA AD ESSERE IL PROSSIMO BERSAGLIO INTERNAZIONALE DI UNA GUERRA ALIENA AL POPOLO SARDO.
7 nazioni della Nato, 4000 soldati, 65 navi e decine tra sottomarini, elicotteri, mezzi aerei e di terra hanno da poco dato il via all’esercitazione internazionale Mare Aperto che imperversa sui mari e le coste sarde ma anche sul tirreno centro meridionale.
La sottosegretaria alla difesa Pucciarelli, in visita qualche giorno fa tra La Maddalena e Tavolara, è venuta a fare il solito lancio di semini e briciole per piccioni come da decenni a questa parte si confà al suo ruolo istituzionale. Il comparto militare dice: “per la Sardegna questi elementi d’organizzazione costituiscono anche un volano per lo sviluppo territoriale, contribuendo in diverso modo ad alimentare e sostenere il loro tessuto economico, occupazionale e sociale.”
Davanti a un’aggressione armata della NATO sul nostro territorio, davanti ai dati di una inflazione record, una crisi economica e gli alti livelli di spopolamento nei territori limitrofi alle basi militari, ci permettiamo di dire che HANNO LA FACCIA COME IL CULO.

Per questo vi invitiamo a condividere e partecipare alla prossime mobilitazioni in preparazione e alla manifestazione contro l’occupazione militare promossa dall’assemblea contro la presenza militare in Sardegna di Cagliari che si terrà a Sant’Anna Arresi il 22 maggio.

Pubblicato in Antimperialismo, Capitalismo/ Neoliberismo, Internazionalismo, neocolonialismo | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La Sardegna teatro di guerra!!!!

E’ in atto in Sardegna un’imponente esercitazione di guerra  con mezzi navali e aerei di 7 nazioni NATO. Sono state interdette 17 aree costiere e altrettante spiagge oltre a quelle aree e a quei poligoni che <normalmente> sono occupate militarmente. La Sardegna è oggi più che mai una colonia militare della NATO. 

https://www.facebook.com/aforas2016/

Pubblicato in Antimperialismo, Capitalismo/ Neoliberismo, Internazionalismo, neocolonialismo | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Vermi inermi/venerdì 20 maggio a Pisa

La variante umana è lieta di presentare:

uno spettacolo per dire che il mondo del futuro è qui, oggi; un mondo fatto di telemedicina, DAD, telelavoro, e-commerce, tele polizia, conferenze immateriali, vaccini, modificazione genetica degli umani e distanziamento.

Teatro semplice, clandestino e necessario per riflettere sulla medicalizzazione della società.

Venerdì 20 maggio-Pisa
Ai Banchi dalle ore 18

VERMI INERMI :
Drammetto grottesco orecchiabile
da una idea di Cinzia Laganà
con Cinzia Laganà
e la partecipazione di Capula Simone
Scene : Claudio FADE Fadda
Regia : Simone capula

   “Siamo un collettivo, o meglio un duo di professionisti teatrali che si conoscono da anni, ma che hanno iniziato a collaborare praticamente nel 2020.
La collaborazione ha dato come frutto lo spettacolo “Vermi Inermi – Drammetto grottesco orecchiabile” e ora sta dando alla luce il nuovo spettacolo “Io non sono come voi” tratto dal romanzo di Marco Boba. Oltre a questi spettacoli c’è un repertorio di racconti teatrali e laboratori per attori. Il collettivo è formato dall’attrice Cinzia Laganà e dal regista Simone Capula, a cui si aggiungono di volta in volta altre figure professionali teatrali (scenografi, disegnatori di luci, drammmaturghi, ecc…).
Da sempre i nostri spettacoli sono frutto dell’autoproduzione: per sopravvivere dobbiamo chiedere contributi a chi assiste all’evento teatrale, altrimenti non sarebbe possibile “produrre”. Le modalità creative del teatro implicano lunghi periodi di prove, mesi. Il pubblico del teatro non può essere numeroso, a meno che non si ceda a dinamiche commerciali orrende, quelle del teatro coi nomi della tv e di conseguenza si accetti anche compromessi relativi ai contenuti degli spettacoli, in modo da piacere alle istituzioni politiche.
In questo periodo, dopo mesi di chiusure e divieti, a tutto questo si è aggiunta l’aggravante “green pass – lasciapassare”: chi non si piega a questa norma fascista non può lavorare e non può presentare gli spettacoli in nessun luogo.
Quindi?
Quindi noi diciamo che bisogna fare un grosso sforzo e ragionare (ed agire) al di fuori delle logiche legalitarie, che vuol dire dare la possibilità a chi va in un posto di raccogliere “VIL DENARO” oltre il solo rimborso spese del viaggio, insomma anche qualche euro per reggersi in piedi e non crollare.
Stiamo cercando di tenere viva una scena, far (RI)partire una modalità “antica” (il Do it yourself), che ci auguriamo possa far rinascere scene che siano teatrali, musicali, culturali, ma anche sociali.
Noi siamo di fatto autosospesi dal lavoro (abbiamo perso molte repliche perché non accettiamo di andare nei teatri, nei circoli culturali dove viene richiesto il “green pass/lasciapassare”).
LA NOSTRA VUOL ESSERE UNA AZIONE POLITICA E D’ORA IN POI DESTINEREMO ALLA CASSA SOLIDALE PER I LAVORATORI SOSPESI A CAUSA DEL GREEN PASS/LASCIAPASSARE E DELL’OBBLIGO VACCINALE IL 30% DEL RICAVATO DI OGNI NOSTRO SPETTACOLO E ATTIVITÀ TEATRALE”  Simone e Cinzia

A seguire aperitivo e discussione

Pubblicato in Capitalismo/ Neoliberismo, Storie | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Gravissima intimidazione! misure cautelari per 11 student*per la manifestazione a Torino

lindipendente.online

Nella mattinata di ieri (12 maggio 2022) la Digos di Torino ha eseguito 11 misure cautelari nei confronti di altrettanti giovani per le proteste che hanno avuto luogo lo scorso 18 febbraio di fronte alla sede di Unione Industriale in via Vela, a Torino. Tre di loro sono finiti in carcere, quattro ai domiciliari e quattro hanno obbligo di firma. I reati contestati sono lesioni aggravate, resistenza e violenza: i giovani avrebbero infatti tirato uova di vernice contro l’edificio e cercato di fare irruzione nella sede di Unione Industriali, ma sarebbero stati fermati da un cordone di carabinieri in tenuta antisommossa. Tra coloro che sono finiti ai domiciliari vi sarebbe anche una ragazza la cui unica colpa sarebbe stata quella di parlare al megafono.

Pubblicato in Repressione, Scuola | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

!8 maggio/Assemblea per rilanciare la solidarietà rivoluzionaria!

Il 41 Bis è tortura! 18 maggio 2022 ore 19 a Strike!!!

Pubblicato in Carcere, Repressione | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Il PD spiegato ai bambini/sui muri di Roma

Sui muri di Roma/ Il PD spiegato ai bambini

Pubblicato in Antimperialismo, Capitalismo/ Neoliberismo | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Dealpinizzazione antimilitarista

Riceviamo questa bella lettera da una compagna friulana

Dealpinizzazione antimilitarista

Ciao a tutte.

Si è proprio il caso di organizzarsi per il maggio del prossimo anno a Udine. Tra compagne stiamo già ragionando.

Il dramma della situazione friulana relativamente agli alpini è che c’è una esaltazione/sottomissione della figura di questi baldi militari che tirano fuori i bambini dalle macerie del terremoto, che portano i panini con il prosciutto quando c’è l’alluvione e avanti così. Ma qua al confine c’era anche un battaglione di alpini, il battaglione Tagliamento, che faceva i rastrellamenti contro partigiane e partigiani e contro la popolazione solidale. Purtroppo ci sono cippi fascisti sui sentieri di confine che lo esaltano. In Friuli ci sono più sedi ANA che chiese (che è un tutto dire!). Questa è la situazione socio-culturale di un territorio totalmente militarizzato a partire dalla fine della seconda guerra mondiale, una specie di colonia che lo Stato ha utilizzato in funzione anti-slava ad esempio. Per non parlare della base di Aviano.

Poi ci sono state anche lotte antimilitariste importanti, compresa l’occupazione del monte Bivera, usato come poligono di tiro dai militari, da parte di bande di compagne e compagni negli anni ’70.

In occasione dell’ultima calata dei militari pennuti a Udine, mi pare che fosse il 1996, il sindaco aveva pensato bene di mettere una delle tendopoli alpine nel piazzale antistante quello che allora era il centro sociale autogestito. Abbiamo fatto una contestazione rischiando letteralmente il linciaggio. Insieme ai neri, ospiti del centro di prima accoglienza che trovava sede in una delle due palazzine del CSA, abbiamo dovuto barricarci dentro. Poi il giorno dopo sui giornali parlavano degli ingrati anarchici che offendevano i patrioti del bene!

Questo per dire il clima in cui ci si muove.

Urge dealpinizzazione antimilitarista!

Pubblicato in Autodifesa femminista, Autorganizzazione, Storie, Territorio, Violenza di genere | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Ieri davanti al Miur/La scuola contro il green pass!!

Pubblicato in Movimenti, Repressione, Scuola | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Appuntamento per il 2 giugno!

Pubblicato in Antimperialismo, Iniziative ed Eventi, Internazionalismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La normalizzazione dell’emergenza/Il nemico è a casa nostra!

Volantino che verrà distribuito domani 14 maggio a piazza dei Consoli e appuntamento per il 2 giugno 

LA NORMALIZZAZIONE DELL’EMERGENZA

La <carta dei crediti sociali> e la guerra a casa nostra

Dall’emergenza per la pandemia all’emergenza per la guerra: restrizioni, divieti, obblighi e concessioni pelose elargite a chi si adegua si apprestano a diventare parte integrante della vita di tutti noi. Il green pass, strumento di controllo sociale imposto con la scusa della tutela della salute e rivelatosi peraltro totalmente inutile, si appresta a diventare carta dei crediti sociali, sulla falsariga dell’esempio cinese.

La sperimentazione è già attiva a Bologna e qui a Roma e si chiama smart citizen wallet. Per ora il meccanismo è impostato su base premiale. Vale a dire che la persona accumulerà punti e otterrà delle regalie in sconti di vario tipo se avrà dei comportamenti in linea con le richieste dell’amministrazione. Ma il passaggio ai castighi sarà breve. A Fidenza, e in altri comuni del parmense, è già applicato per le case popolari. Chi perderà i punti della sua carta verrà sfrattato.

Un numero crescente di attività saranno progressivamente sottoposte a schedatura e disciplinate da un sistema a punti. In base al punteggio, le persone e le aziende potranno essere premiate o punite permettendo oppure impedendo il soddisfacimento dei propri bisogni o il perseguimento dei propri interessi.

Passare con il semaforo rosso, copiare durante un esame, contestare i ritmi lavorativi, non essere in regola con il pagamento delle tasse, per non parlare poi della partecipazione a proteste e cortei saranno alcuni dei comportamenti che porteranno a perdere punti. Naturalmente anche amicizie e relazioni ne saranno investite e frequentare persone con un punteggio basso sarà penalizzante.

Quando, qualche mese fa, i camionisti in Canada hanno messo in atto una forte protesta contro le restrizioni e i divieti attuati a detta del governo per la pandemia, sono stati bloccati i loro conti correnti, i conti delle loro aziende, annullate le assicurazioni dei veicoli, bloccata ogni possibile forma di finanziamento di chi li voleva aiutare…

Al contrario, donare il sangue, rispettare le domeniche ecologiche, andare a votare, partecipare a manifestazioni di solidarietà per popolazioni colpite da alluvioni, terremoti, pandemie o (alcune!) guerre saranno azioni che porteranno a incrementare i punti a disposizione.

Milioni di persone monitorate, valutate e infine giudicate da un algoritmo che assegnerà un punteggio. E’ l’intelligenza artificiale che dopo anni di falsa neutralità, nella quale ci siamo tutti crogiolati, passa all’incasso.

Il proposito di questa azione politica è chiaro: ottenere la <pacificazione sociale> attraverso l’obbedienza alle regole imposte. E’ il sogno di ogni potere.

Nessuno si potrà nemmeno azzardare a denunciare che i soldi vengono spesi per le armi e non per la sanità o per la scuola, che le persone non arrivano a fine mese o che si muore di lavoro cadendo da un ponteggio ma i fondi vengono impiegati per digitalizzare il controllo delle nostre vite, che le nostre strade e i nostri territori interni sono militarizzati e controllati da una miriade di soldati, che viviamo su una polveriera fatta di basi militari, basi NATO e americane che paghiamo noi.

IL NEMICO E’ A CASA NOSTRA!

CONTRO LA PARTECIPAZIONE ALLA GUERRA IN UCRAINA!

Giovedì 2 giugno ore 10 a piazza dei Consoli

L’Italia è una repubblica fondata sulla guerra

www.nogreenpassroma.org

Pubblicato in Antimperialismo, Iniziative ed Eventi, Internazionalismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Achtung Alpinen!

Achtung Alpinen!!

di Nicoletta Poidimani

Da qualche giorno si parla delle numerose molestie che molte donne hanno vissuto in occasione del raduno degli alpini a Rimini.

Nulla di nuovo: già nel 2018 in questo sito avevo riportato le testimonianze di compagne trentine (1 e 2) che raccontavano le stesse dinamiche patriarcal-militari. E chissà se anche questa volta il pronto soccorso ginecologico dell’ospedale cittadino è stato rafforzato in occasione dell’arrivo dell’orda pennuta…

Chi finge di scoprire oggi l’acqua calda, per altro invitando le donne a denunciare, ha per caso detto mezza parola quando la salute di un intero paese è stata militarizzata e proprio ad un alpino, generale della Nato, è stata affidata la distribuzione di sieri da sperimentare sulla pelle di quella stessa popolazione?

Figuriamoci! Mai state così tanto zitte, le sedicenti femministe!!!

E oggi che soluzione propongono alle molestie di Rimini? Ovviamente non l’auspicabile assedio di donne alle sedi degli alpini per urlare un collettivo e tonante ‘NO!’, né tanto meno una mobilitazione che dica, una volta per tutte, che non ne possiamo più di militari e militarizzazione.

Anzi: la soluzione proposta è quella di rivolgersi alle divise per denunciare altre divise. Complimenti! Così le donne che hanno vissuto sulla propria pelle le molestie dovranno anche dimostrare con prove la veridicità delle loro affermazioni, lasciando ulteriore spazio alle schifezze che già dal mondo degli alpini – e delle alpine… – si vanno moltiplicando a propria difesa.
Davvero femminista come pratica, non c’è che dire!

Ma costoro si rendono conto o no che in questo modo non si fa altro che ribadire quella stessa logica perversa sdoganata dall’operazione ‘strade sicure’ per cui la sicurezza delle donne sarebbe garantita dai loro potenziali (e non solo potenziali, se pensiamo a Francesco Tuccia) stupratori in divisa?

A questo punto perché queste sedicenti femministe non chiedono che la fanteria o il settimo cavalleggeri presidino la città in cui si terrà il prossimo incontro?

Inutile dire che nemmeno ci provo a far ragionare costoro, poiché dalla sua nascita nudm non fa che elemosinare leggi e soldi allo stato patriarcale e la radicalità femminista non è proprio nelle sue corde.

Che continuino pure sulla loro strada suicida costoro; ma noi, femministe non addomesticate né addomesticabili, che intendiamo fare?
Ci andiamo o no sotto le sedi degli alpini?

E, soprattutto, vogliamo organizzare o no un bel ‘benvenuto’ per quando questa orda di molestatori avvinazzati si presenterà a Udine nel 2023?

Tra l’altro quelle zone sono state anche la culla di Gladio, la Stay Behind italiana, e, della Protezione civile dopo il fallito tentivo di Scelba di fondarla per il controllo (para)militare del territorio (*)…

Serve aggiungere altro?

_____________________

(*) Non finirò mai di ringraziare Alessandra Kersevan per avermi illuminata su queste e altre friulane ‘coincidenze’ non casuali, in occasione di una iniziativa a Udine in cui ero stata invitata a parlare di militarizzazione della salute e dei territori

Pubblicato in Autodifesa femminista, Violenza di genere | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Ascoltate questa sera Zardins Magnetics/giovedì 12 maggio 2022

Zardins Magnetics di giovedì 12 maggio 2022

Questa sera ascolta Zardins Magnetics su Radio Onde Furlane, dalle ore 20 alle 21 e 30 circa.

Gli argomenti:

✓ Aggiornamenti sulle recenti operazioni repressive
✓ La rivolta indipendentista còrsa delle ultime settimane e la necessità di
lottare contro l’accentramento dello Stato

Ascolta la diretta:
FM 90.0 MHz
https://radioondefurlane.eu/

Riascolta le trasmissioni passate:
https://zardinsmagneticsradio.noblogs.org/

Pensieri, musica, parole:
Assemblea permanente contro il carcere e la repressione

Contatti di posta:
Associazione Senza Sbarre
Casella Postale 129 – Trieste centro
34121 Trieste

Contatti di posta elettronica:
liberetutti@autistiche.org

Pubblicato in Internazionalismo, Repressione | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Sabato 14 maggio ore 11 /NO ARMI AD ISRAELE

*NO ARMI AD ISRAELE*

*74esimo anniversario della Nakba, catastrofe palestinese*

*PIAZZA MONTE GRAPPA – ROMA (RM)*

*SABATO 14 MAGGIO 2022 – ORE 11:00*

https://www.facebook.com/events/s/no-armi-ad-israele-74esimo-ann/238033175199241/

Continua incessante la repressione da parte dello stato d’occupazione sionista in Palestina; nel corso delle ultime settimane abbiamo assistito ad un aumento della tensione nei territori occupati, con arresti e uccisioni in Cisgiordania, nei territori occupati del 1948 e Gerusalemme, bombardamenti a Gaza, in Libano e in Siria. Questa escalation – ulteriormente silenziata  per via degli eventi delle ultime settimane in Ucraina – non ha avuto quasi nessuna copertura a livello mediatico, né tantomeno si è sentita alcuna reale e decisa presa di posizione da parte dei partiti politici istituzionali italiani. Va avanti invece la collaborazione sul piano militare dell’Italia con lo stato d’occupazione d’Israele; il tutto nel quadro della cooperazione militare tra Italia e l’occupazione sionista, siglato nel 2003, finalizzato “all’interscambio di materiali di armamento, alla formazione ed all’addestramento del personale, ricerca e sviluppo in campo industriale”.

Nel corso degli ultimi anni l’esportazione di armi italiane alle forze d’occupazione israeliane ha registrato un picco; basti pensare che i piloti che hanno preso parte ai bombardamenti di Gaza lo scorso anno si sono addestrati su velivoli e simulatori italiani. Solo tra il 2015 ed il 2020 sono state di oltre 90 milioni di euro le forniture di sistemi militari dall’Italia all’occupazione sionista. In questi ultimi giorni la Leonardo SPA (di cui la maggiore azionista è lo stato italiano dato che il MEF possiede una quota del 30%) ha siglato un accordo per la vendita, tramite il programma MFS statunitense, di una fornitura di elicotteri militari alle forze d’occupazione in Palestina. Questi mezzi e armamenti vengono utilizzati per reprimere il popolo palestinese e le sue forze di resistenza e di liberazione nazionale. Con l’anniversario della Nakba continua incessante il processo di pulizia etnica, continuando infatti a venire rasati al suolo interi villaggi nel Naqab e sfollate intere famiglie per fare posto a nuove colonie e insediamenti.

Ciò mette a nudo il vero volto dell’Italia che si rivela e conferma come guerrafondaio e, tra le altre cose, ciò si aggiunge all’inaccettabile posizione presa nelle ultime settimane, a fianco degli altri paesi della NATO.

Riteniamo quindi doveroso mobilitarci, specie in questo momento di estrema criticità:

Contro la guerra imperialista

Contro la politica guerrafondaia italiana

Contro l’occupazione sionista della Palestina

Il presidio si terrà dinanzi alla sede centrale della Leonardo SPA, principale partner militare italiano dell’occupazione sionista in Palestina.

*PIAZZA MONTE GRAPPA – ROMA (RM)*

*SABATO 14 MAGGIO 2022 – ORE 11:00*

– Unione Democratica Arabo-Palestinese (UDAP)

– Giovani e Palestina (GeP Italia)

Pubblicato in Antimperialismo, Internazionalismo, Palestina | Contrassegnato , , , | Lascia un commento