Nei meandri del dispositivo correttivo minorile

Un’interessante trasmissione su radiocane.info

<Nei meandri del dispositivo correttivo minorile>

Da anni ormai, nella aule scolastiche di ogni genere e grado, l’educazione alla legalità rappresenta di fatto una materia trasversale vòlta a inculcare le basi ideologiche della cittadinanza e dell’obbedienza, secondo cui «la legge è sempre buona» e «se si vogliono cambiare le cose, bisogna cambiare la legge» – beninteso: «secondo le modalità previste dalla legge stessa». Stante la delicatezza della materia da plasmare, il trattamento riservato ai “minori” che decidono determinare in piena autonomia i propri valori e, soprattutto, le proprie modalità di intervento sul reale prevede una gamma surreale di interventi di reinserimento spesso ancor più subdoli e violenti della schietta azione repressiva.

In questo contributo, a partire da una fantomatica maxi-inchiesta relativa a fatti risalenti all’autunno del 2017, seguiamo una giovane compagna in un viaggio nei labirinti del dispositivo correttivo minorile dove l’occhiuta sorveglianza di giudici-psicologi e assistenti sociali valuta non già le condotte specifiche degli imputati (i supposti reati), bensì il grado di raddrizzamento della persona e dei suoi tratti socialmente pericolosi.

ASCOLTA QUI

This entry was posted in Repressione, Scuola and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *