Dedicata alla donna morta a San Ferdinando

Dedicata alla donna morta questa notte nel rogo della sua baracca nella tendopoli di San Ferdinando e a tutte quelle e a tutti quelli che questa società uccide impunemente tutti i giorni.

Rogo a San Ferdinando di Rosarno, dove vivono i/le braccianti più sfruttati/e da padroni e caporali. Muore una migrante di trent’anni

“E’ una donna la vittima dell’incendio che si è sviluppato questa notte nella tendopoli di San Ferdinando, nel reggino, aveva trentanni e fuggiva dalla Nigeria. E’ morta dove diverse centinaia di migranti vivono stipati in baracche di legno più volte andate a fuoco. Oltre 200 le casette di fortuna bruciate nel rogo, scoppiato nella zona centrale del campo e rapidamente propagatosi.”

This entry was posted in Capitalismo/ Neoliberismo, Lavoro, musica and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *