Consuntivo dell’Anno Politico Agosto 2016/Luglio 2017

Consuntivo dell’anno politico della Coordinamenta femminista e lesbica- Agosto 2016 / Luglio 2017

 

-11 agosto 2016–Comunicato

Lo Stato: carnefice, giudice. tutore e samaritano

È uscito da pochi giorni un appello che chiama tutte le donne ad una manifestazione nazionale “per l’eliminazione della violenza sulle donne”, che dovrebbe tenersi a Roma il prossimo 26 novembre; un appello incentrato, al di là degli slogan e delle belle parole, sulla richiesta allo Stato di diritti e di “presa di coscienza” delle Istituzioni.

Si dimentica e si omette completamente che cosa sia lo Stato cioè il momento organizzativo del potere e, quindi, del sistema socio-economico-politico, in questo momento, capitalista neoliberista.[…] 

L’appello chiede “ la rapida revisione del Piano Straordinario Nazionale Anti Violenza”

E, così, lo Stato diventa carnefice, giudice, tutore e samaritano delle donne tutte attraverso le donne che si sono prestate e che si prestano ancora[…].

-12 agosto 2016- Campagna per il NO al Referendum

Votiamo NO per dire NO alla società dell’antisessismo sessista! 

-27 agosto 2016#ionondimentico/con le MadriPerRomaCittàAperta

-26 agosto-Campagna per il NO al Referendum

Votiamo No per dire NO alla società dell’antifascismo fascista

27 agosto 2016-Contributo/ IL NEOLIBERISMO è UN’IDEOLOGIA

“… Tutto comincia dal constatare che il capitale, mentre è riuscito a farci rinunciare al principio dell’ideologia, gramscianamente intesa come” concezione del mondo”, e, con questa, alla costruzione teorica di un progetto alternativo a questa società, ha riservato a sé il monopolio dell’ideologia in questa stagione neoliberista e, sempre e solo a sé, ha riservato la lotta di classe , l’odio di classe e l’uso della violenza…”

-1 settembre 2016-Supportiamo lo sciopero del 9 settembre nelle prigioni USA contro la schiavitù! 

“Forza, alzatevi e unitevi a noi.
Contro la schiavitù carceraria.
Per la liberazione di tutt*”

-4 settembre 2016-

Ci vediamo il 1 ottobre alla Sapienza!

Parte il No Tav Tour per dire No al Referendum e mandare via Renzi

-8 settembre 2016-UN FIORE PER FABRIZIO

8 settembre 1974/8 settembre 2016

“(…) Possiamo infatti evitare che la memoria sia solo quella di altre esperienze e che chi si occupi di raccogliere le memorie e scrivere la storia e le storie sia sempre dall’altra parte della barricata rispetto alla nostra. Possiamo essere un ponte importante tra il passato, di cui raccogliere testimonianza, senza idealizzare o appiattire ciò che fu e, d’altro canto, dobbiamo anche raccogliere le nostre di memorie, dobbiamo raccontarci e raccontare, di noi che ancora siamo femministe oggi, di ciò che siamo, per non darci in pasto ai revisionisti e alle revisioniste di domani. In fondo noi siamo un anello di raccordo tra passato e futuro: conserviamo la nostra storia e, nel frattempo, contribuiamo a scriverne una nuova pagina.” Elena/Scateniamotempeste/ “Scrivere storia, raccogliere memorie, fare militanza” ATTI Memoria collettiva Memoria femminista, Coordinamenta femminista e lesbica, dicembre 2012

-9 settembre 2016-  OGGI A BOLOGNA/UN CARO SALUTO A LUKI MASSA

-9 settembre 2016- “IO STO CON CHI RESISTE!”

-10 settembre 2016 “PER LA LIBERTA’ DI NEKANE!!”

-11 settembre 1973/11 settembre 2016

Per non dimenticare il colpo di Stato in Cile. Per non dimenticarsi mai la destabilizzazione che gli USA esercitano in America Latina e per capire, quindi, in questo momento l’attacco a cui sono sottoposti Brasile, Venezuela, Argentina, Bolivia, Ecuador…

-11 settembre 1599/11 settembre 2016

In ricordo di Beatrice Cenci e di tutte le donne che si ribellano!

13 settembre 2016-FUORI IL PD DALLE NOSTRE VITE!

-17 SETTEMBRE 2016-DOCUMENTO 

Per riflettere insieme/Patriarcato,cultura e struttura

“…Senza attaccare la struttura, cioè senza battersi contro la gerarchia, la meritocrazia, l’autorità, la mercificazione, la proprietà, in qualsiasi modo si presentino in questa società, è impossibile pensare di cambiare  la struttura patriarcale che altro non è che la differenziazione lavorativa  assegnata ai sessi biologici trasformati in ruoli sessuati e il loro sfruttamento attraverso la costituzione di una struttura gerarchizzata in cui il maschile ha funzioni di dominio e il femminile di soggezione per l’ottenimento del maggior rendimento possibile delle soggettività messe al lavoro: lavoro salariato, lavoro di cura, lavoro riproduttivo. Su questo è stata costruita una cultura e dei modelli che vengono presentati come  “normali” e addirittura “naturali”.”

-17 settembre 2016-CONTRIBUTO

“IL FEMMINISMO NON è SEMPLICEMENTE EMANCIPAZIONE”

-19 settembre 2016-PARTECIPIAMO AL CAMPEGGIO ANTIMILITARISTA A CAGIARI DAL 6 AL 10 DI OTTOBRE!

-20 settembre 2016-“CON LA RESISTENZA DI MAXIMA ACUNA”

-22 settembre 2016-CONTRIBUTO

22 settembre/Strutture di Stato, catena di trasmissione dei valori dominanti/ Riflessioni a margine del Fertility Day

-26 settembre 1935/26 settembre 2016-ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DEL P.O.U.M.- Materiali

-29 settembre 2016-CONTRIBUTO

“RIPENSARE LA MATERNITA’ “

-5 ottobre 2016- I Nomi Delle Cose!!!!! Abbiamo deciso di chiudere la trasmissione “I Nomi delle Cose” su Radio Onda Rossa. Questo il nostro comunicato a ROR: Care compagne e cari compagni, siamo qui per mettervi al corrente di una decisione sulla quale abbiamo  ragionato molto e che confidiamo accoglierete con lo stesso animo di rispetto  reciproco con cui noi ve la comunichiamo. Abbiamo deciso di chiudere la  trasmissione ” I nomi delle cose”.  Crediamo che sia una necessità per la radio ridefinire la propria linea politica e condividerla con tutt* coloro che collaborano con la radio. Tuttavia questo rinnovamento ha reso evidenti  differenze politiche che non possono essere portate a sintesi e che ci impediscono di continuare.  Nonostante questo,  crediamo che le discussioni, anche accese, affrontate nelle riunioni di  redazione negli ultimi anni su questioni femministe e internazionali abbiano  avuto una notevole funzione dialettica. Vi salutiamo con l’augurio di ogni bene personale.

Ma I Nomi Delle Cose continua!!! si trasforma in una Riflessione/Dibattito a viva voce sulle più svariate questioni lette da un punto di vista femminista, come abbiamo sempre fatto, che pubblicheremo sul blog il mercoledì, ogni quindici giorni, in podcast corredata dai materiali e dai riferimenti usati, mentre la “Parentesi di Elisabetta” prosegue con cadenza settimanale

-1 ottobre 2016– Partecipazione all’Assemblea Nazionale per il NO al Referendum del 4 dicembre!

-2 ottobre 2016 – “Indipendenza per la Catalogna !!” 

-8 ottobre 2016-Partecipazione all’inaugurazione del CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PALESTINESE via dei Savorgnan 40-RomaSempre dalla parte delle compagne palestinesi che lottano, cercano di sopravvivere, muoiono, si ribellano, resistono, combattono…”

-7 ottobre 2016- Contro la “Buona Scuola”#ingovernabili! intervista ad una studentessa del Manara

-8 ottobre 2016LA VALLE NON SI ARRESTA!

-8 ottobre 2016-EMERALD MOVE…è in corso nei mari della Sardegna, dal 3 al 14 ottobre, l’ennesima esercitazione militare congiunta…L’Italia è allo stesso tempo, colonia degli USA e complice delle operazioni neocoloniali spacciate per “guerre umanitarie”…

-9 ottobre 1967/9 ottobre 2016– anniversario della morte del CHE: ALEIDA MARCH Evocacion 

-11 ottobre 2016– EDDI LIBERA!!!!

-12 ottobre 2016- PRESIDIO CONTRO L’EXPORT DI ARMI AI SAUD!

-14 ottobre 2016-traduzione documento “Feminismo burgués y Feminismo libertario”

-16 ottobre 2016-Condivisione del programma della Consultoria Autogestita! “…Prendersi cura di noi e farlo insieme, elaborando strumenti di resistenza e cambiamento, è di per sé un atto politico: rompe l’isolamento che è la base su cui si costruisce il controllo patriarcale.

-17 ottobre 2016PRISON STRIKE!!! Programma degli eventi dal 15 al 22 ottobre

-17 ottobre 2016-CON ANNA E VALENTINA E CON TUTT* I COMPAGN* ARRESTATI DELL’OPERAZIONE “ SCRIPTA MANENT“!!!!

-18 ottobre 1977/18 ottobre 2016-In ricordo di Gudrun Ensslin, militante della RAF,rivoluzionaria, uccisa come Rosa Luxemburg dalla socialdemocrazia tedesca.

-18 ottobre 2016-Solidarietà ad AMY GOODMAN!

-21 ottobre 2016-Giornate internazionali di azione per lo Yemen!

-22 ottobre 2016- Nell’ottobre 1966 nasceva a Oakland in California il Black Panther Party

-24 ottobre 2016- OTTOBRE 1917/LE DONNE DELLA RIVOLUZIONE!!!!

28 ottobre 1988/28 ottobre 2016 -In ricordo di Cecilia Magni/Comandante Tamara.

-29 ottobre 2016-Partecipazione al Presidio al CIE di PONTE GALERIA IN SOLIDARIETA’ CON LE DONNE IMPRIGIONATE

-30 ottobre 2016-DOCUMENTO “Sur la Question des femmes”

-30 ottobre 2016-StudAut-INCONTRO NAZIONALE 30 e 31 0ttobre al Porto Fluviale-Intervista ad una studentessa del Liceo Manara:ragioni e obiettivi dell’assemblea.

-1 novembre 2016– “Visioni della rivoluzione.”

PREPARAZIONE DELLA GIORNATA DELL’8 DICEMBRE DA PARTE DELLA COORDINAMENTA FEMMINISTA E LESBICA

-2 novembre 2016-Coordinate di fondo 2 “Questa mattina, un poliziotto, della polizia di Genova, ha sparato e ucciso la moglie e le sue due figlie, rispettivamente di 10 e 14 anni, per poi togliersi la vita. Sentiamo la necessità di riprendere le fila di tanti ragionamenti sulla violenza sulle donne che sono stati fatti in questi anni perché abbiamo la sensazione che le coordinate di fondo si siano sfilacciate….Ma non è la condizione personale che produce violenza contro le donne bensì il possesso e il dominio che accompagnano la costruzione del ruolo maschile e quindi può essere qualsiasi maschio ad agire queste categorie di dominio…..marito o amante, figlio o fratello, padre o prete, vicino di casa o maestro, migrante o deputato, compagno di scuola o intellettuale…..civile, militare o poliziotto….Ma quando la violenza su una donna viene esercitata da un uomo in divisa, assume connotati ancora più gravi…”

-3 novembre 2016 Documento “ L’Italia ha scelto la guerra nucleare!”

-4 novembre 2016-Contro le aggressioni dell’imperialismo, contro la militarizzazione del territorio ed il militarismo crescente”

-4 novembre 2016-“Il Liceo Montessori occupato!!!! intervista ad una studentessa

-4 novembre 2016– Solidarietà a MONTSE’ VENTUROS

-5 novembre 2016- CONGRESO FEMINISTA DE CHIAPAS DAL 21 AL 25 NOVEMBRE! “Estudios de genero e investigaciones feministas/Mujeres indigenas/ Mujeres Campesinas/Incidencia feminista en politicas publicas/Movimientos Populares/Nuevos Feminismos/Feminismos Lesbicos /Transfeminismos/Feminismos Afrodescendientes/Periodismo Feminista/Feminicidios/Derecho a decidir sobre nuestros cuerpos/Tierra y Territorio”

-6 novembre 2016– Con le compagne e i compagni arrestati! presidio oggi alle 17 a Regina Coeli e a Rebibbia femminile! Il femminismo è antifascista!

-11 novembre 2016-“Partecipazione ai 12 anni dell’Ex51!”

-13 novembre 2016- “Corpo e rivoluzione in Marx. Morte,diavolo,analità.”Postfazione di Nicoletta Poidimani alla nuova edizione del libro di Luciano Parinetto

-14 novembre 2016-NESSUNA PACE PER CHI VIVE DI GUERRA!!!!BLOCCHIAMO LE ESERCITAZIONI! CORTEO IL 23 NOVEMBRE A CAPO FRASCA!

19 novembre 2016– DOCUMENTO “Il separatismo: dimensione di classe della lotta femminista e lesbica”

-20 novembre 2016– PARTECIPAZIONE ALL’ INCONTRO A BOLOGNA SU “SEPARATISMO E AUTOCOSCIENZA” ASS. Armonie-via Emilia Levante 138

-22 novembre 2016-Partecipazione all’assemblea pubblica verso il corteo del 27 novembre per dire NO al Referendum del 4 dicembre!

-22 novembre 2016-“Noi stiamo con chi resiste! Solidarietà a Nicoletta Dosio

-24 novembre 2016-Isoliamo i “Violanti”! solidarietà alla studentessa aggredita all’università di Bologna questo pomeriggio dai Giovani Democratici (funzionari sul libro paga del partito renziano nascosti dietro alla sigla “Studenti per il Sì”) che hanno organizzato all’Università di Bologna un dibattito sul referendum con Luciano Violante a sostenere le ragioni del regime…mandiamo a casa il governo Renzi, sbarazziamoci del PD!

-25 novembre 2016– IL RIFIUTO DEL LAVORO “...Nel nostro specifico il rifiuto del lavoro riproduttivo e di cura rappresenta la consapevolezza del ruolo che ci è attribuito  in questa società patriarcale e capitalista, rifiuto coniugato a quello del lavoro produttivo che ci viene assegnato come lavoratrici all’interno del percorso emancipatorio e che ci divide in due percorsi, quello di serie B a cui è destinata la stragrande maggioranza delle donne che possono essere ricacciate nel ruolo domestico e tradizionale qualora non servano e quello di serie A delle donne che si prestano, in cambio della loro promozione personale a diventare partecipi attive del neoliberismo e del patriarcato…”

-25 novembre 2016- NESSUNA DELEGA!!!

“…è necessario resistere, opporre resistenza personale, interpersonale, politica alla marea montante della normalizzazione e rimanere fortemente ribelli alle molteplici oppressioni, renitenti alla chiamata della leva, ferme nel nostro pensare femminista con una lucidità che respinge la disperazione, la delusione…Insieme a tutte le donne e alle compagne che rifiutano la delega, che continuano a lottare per la propria autodeterminazione, che si prendono ciò di cui hanno bisogno, che conquistano a spinta i propri diritti, che si autodifendono e si autorganizzano contro la violenza di genere esercitata dalle istituzioni, dagli uomini e dalle donne, insieme alle donne vessate dalla magistratura e richiuse in carcere o nei c.i.e., insieme a tutte quelle che si oppongono alla militarizzazione dei territori, alle “guerre umanitarie”, alle speculazioni e alle nocività, che siano un tav, un muos, un inceneritore o lo sfruttamento lavorativo, insieme a tutte quelle che ancora vogliono la luna.

Rimanere rivoluzionarie è il solo modo di costruire strade di liberazione.”

-25 novembre 2016-Con la Val di Susa e con il popolo Sioux!

-27 novembre 2016 -DOCUMENTO “Fuori il PD dalle nostre vite! “…Votare NO!!!!! al referendum del 4 dicembre è  un momento di resistenza al neoliberismo. Noi dobbiamo cogliere tutte le possibilità per gettare granelli nell’ingranaggio neoliberista, zoccoli nella catena di trasmissione, per creare spazi per veicolare la conoscenza del nemico e di quello che rappresenta. Il nemico è il neoliberismo incarnato nel PD che ha naturalizzato e naturalizza questa ideologia nella nostra società…Votare NO al referendum significa dire No al Jobs Act, al TTIP, alla “buona scuola”, a Equitalia, alle “guerre umanitarie”, alla militarizzazione dei territori, ai Cie….. fino, nel nostro specifico, alla strumentalizzazione della violenza sulle donne.”

-27 novembre 2016-MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER IL NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE!

 

-29 novembre 2016-IL PARADIGMA DI GAZA...”Gaza diventa allora una campo di concentramento a cielo aperto, utile come laboratorio di sperimentazione delle nuove armi, testate in corpore vili, e un esempio concentrazionario per la repressione dei mondi offesi…” dalle Dumbles,Feminis Furlanis Libertaris

-29 novembre 2016-UTEROGHIAMOCI!Il terzo ciclo di Cose Nostre. “…Crediamo che sia necessario un lavoro preparatorio più importante di quello fatto in passato. Chiediamo quindi a tutte coloro che vorranno, di inviarci alla nostra mail consultoria@autistiche.org (con oggetto “Contributi Cose Nostre 3”) dei contributi, che possono essere spunti da letture, video, link, riflessioni personali, esperienze, o – perché no – una lettera scritta al vostro utero o al vostro seno, e vale tutto: che l’abbiate appena (ri)scoperto, che lo conosciate bene, che non lo abbiate più a causa di interventi chirurgici, che ve lo siate dimenticato per tutto questo tempo, che sentiate il peso delle politiche sul corpo, che abbiate trovato le vostre personali strategie di resistenza e vogliate metterle in comune. Ciò che manderete sarà utilizzato per l’elaborazione, ma non distribuito e/o pubblicato…” Una chiamata della Consultoria Autogestita a cui abbiamo risposto più che volentieri!

-2 dicembre 2016-LE INTERVISTE DELLA COORDINAMENTA Intervista a Daniela Pellegrini “Autocoscienza e Separatismo”

-3 dicembre 2016-Presentazione a Viareggio dalle DONNE IN CANTIERE degli ATTI”I ruoli, le donne, la lotta armata/Questioni di genere nella sinistra di classe”

-6 dicembre 2016- DOCUMENTO-A PROPOSITO DI FEMMINISMO,Una risposta ad ANTIPER

-8 dicembre 2016- MUJERES LIBRES/LIBERTARIE E FEMMINISTE/Una giornata della Coordinamenta all’interno della serie di iniziative al Casale Alba 2

“Spagna 1936-Visioni della Rivoluzione”

14 dicembre 2016-SOLIDARIETA’ A PELLICCERIA OCCUPATA!!!“Stamattina dalle 6,30 i vicoli attorno alla Maddalena sono stati invasi da polizia e carabinieri per lo sgombero di Pellicceria Occupata. Alle 15,30 l’operazione si è conclusa con la chiusura dello stabile e il suo ritorno all’abbandono di prima…Noi della Coordinamenta abbiamo vissuto momenti bellissimi a Pellicceria Occupata, abbiamo condiviso iniziative, siamo state invitate ed ospitate, abbiamo fatto autodifesa femminista nello spazio della palestra, con le compagne di Genova e non solo, abbiamo discusso in cerchio nel sole del terrazzo, chiacchierato la sera nei vicoli che si aprivano davanti al piano terra, ci siamo accoccolate sui divani della sala comune  a parlare di rabbia e di progetti, abbiamo trovato materiale prezioso e utilissimo nello spazio della libreria e dell’archivio. Tutto autorganizzato, autofinanziato e in piena autonomia, tutto pieno di quella voglia che ti fa capire che è possibile costruire una vita che valga la pena di essere vissuta. Qualunque cosa decidiate, siamo con voi!

-17 dicembre 2016-Con le donne rinchiuse a Ponte Galeria!

-19 dicembre 2016-DOCUMENTO-“RESPONSABILITA’ COLLETTIVA” sullo stupro di Parma

26 dicembre 2016-“Aqui nadie muere companeras” Omaggio al MIR

-31 dicembre 2016-

Buon 2017 di lotta insieme a tutt* quell* che vogliono ancora la luna!!!!!!!!!!

-4 gennaio 2017-Contributo “L’accoglienza per Sandrine”

-6 gennaio 2017- “Strega”

“…Voglio il mio vestito nero.
Voglio che i capelli
mi si arriccino selvaggi.
Voglio riprendere la scopa
dall’armadio dove l’ho rinchiusa.
Stanotte incontrerò le mie sorelle
nel cimitero.
A mezzanotte
se ti fermi al semaforo
nel traffico umido della città,
guarda se ci vedi contro la luna.
Noi gridiamo,
noi voliamo,
noi ricordiamo e non smetteremo.”

JEAN TEPPERMAN “Strega”, 1969.

-4 gennaio 2017-Contributo “Oseremo ancora assolverci?” dedicato a Sandrine

6 gennaio 2017-Presentazione di “AMORE E LOTTA” di David Gilbert con la curatrice Nora Gattiglia al Nido di Vespe, via dei Ciceri 131

“Internazionalismo,antimperialismo, femminismo, lotta armata, clandestinità, lavoro teorico, privilegio bianco, classe operaia, Black Panther Party, SDS, Weather Underground…”

-7 gennaio 2017-Presidio Antifascista all’Alberone

-9 gennaio 2017-Documento/9 Gennaio in ricordo di Sakiné, Fidan, Leyla

-14 gennaio 2017-Solidarietà a Pola Roupa e Konstantina Athanasopoulou

-15 gennaio 1919/15 gennaio 2017–PER ROSA LUXEMBURG 

“Si rivela qui non soltanto la generale insufficienza del primo immaturo stadio della rivoluzione, ma anche la difficoltà propria di questa rivoluzione proletaria, la peculiarità di questa situazione storica. In tutte  le rivoluzioni precedenti i contendenti entravano in lizza con la visiera alzata: classe contro classe, programma contro programma, stendardo contro stendardo. Nell’attuale rivoluzione i difensori del vecchio ordinamento non entrano in lizza sotto lo stendardo caratteristico delle classi dominanti, ma sotto lo stendardo di un ‘partito socialdemocratico’. Se la questione fondamentale suonasse apertamente e onestamente: capitalismo o socialismo, oggi non sarebbe possibile nessuna esitazione, nessun dubbio, nella grande massa del proletariato.”

Rosa Luxemburg/Rote Fahne, 21 dicembre 1918

-21 gennaio 2017– CIE e DEPORTAZIONI/Presidio a PONTE GALERIA

-22 gennaio 2017UTEROGHIAMOCI!!! il terzo ciclo di COSE NOSTRE alla Consultoria Autogestita

-27 gennaio 2017– DOCUMENTO “Che cos’è la memoria?” 

 -1 febbraio 2017- La Coordinamenta verso l’8 marzo “Vogliamo la luna!!!!

-1 febbraio 2017-La Coordinamenta verso l’8 marzo “LA MASCHERA BIANCA” Prima Parte

INTEGRAZIONISMO ED EMANCIPAZIONISMO NELLA FASE NEOLIBERISTA DEL CAPITALE.Le costruzioni che riguardano la “razza” e il “sesso” si rimandano l’un l’altra. I meccanismi di oppressione messi in atto sono molto simili come sono molto simili i percorsi di repressione, di addomesticamento, di coinvolgimento nelle strutture di potere.

-8 febbraio 2017-DOCUMENTO “Toute le Monde déteste la Police”

“Necessità imprescindibile per il femminismo in questo momento storico è la chiarezza politica, distinguere sempre l’ aggressore e l’aggredito/a, l’oppressore e l’oppresso/a, individuare il nemico, avere la consapevolezza che le “patriarche” sono parte integrante del potere.”

-8 febbraio 2017– La Coordinamenta verso l’8 marzo “LA MASCHERA BIANCA” Seconda Parte

IL CONCETTO NEOLIBERISTA DI INTEGRAZIONE/IL RIFIUTO/I NATIVI-E D’AMERICA, IL POPOLO ROM/LA SOCIETA’ DELL’ANTIRAZZISMO RAZZISTA E DELL’ANTISESSISMO SESSISTA

<Dietro l’idea di differenza si cela la dominazione>

-10 febbraio 2017-DOCUMENTO “I tornelli sono un simbolo”

“..I tornelli sono un simbolo della società neoliberista del controllo e dell’assuefazione. Sono stati messi in tutti i posti di lavoro  contro i così detti “furbetti” e nessuno/a ha protestato, sono stati messi in tutte le metropolitane con la scusa della “sicurezza” e nessuno/a si è indignato, sono stati messi nei supermercati, nelle banche perfino nelle strade….li vogliono mettere perfino nei bar degli uffici così i “lavativi” non possono perdere troppo tempo e troppi caffè…mancavano solo le scuole…

La lotta al tornello è presa di coscienza del funzionamento di questa società e sottrazione al consenso…”

-12  febbraio 2017- La Coordinamenta verso l’8 marzo “Vogliamo la luna!!!!”

-13 febbraio 2017 Riflessione QUE VOLENT AQUESTA GENT?

La Guardia di Finanza durante un controllo di “routine”(!?!) all’uscita del liceo di Lavagna(Genova) trova un ragazzo di 16 anni in “possesso di 10 grammi di Hashish” e va a perquisire la casa. Mentre è in atto la perquisizione il ragazzo si getta dal terzo piano e muore durante il trasporto in ospedale.

-14 febbraio 2017–DOCUMENTI “La scheda con cui siamo programmate”

-15 febbraio 2017-DOCUMENTO-“COMMANDO FEMMINISTA INFORMALE DI AZIONE ANTIAUTORITARIAMessico – Il Commando Femminista Informale di Azione Antiautoritaria rivendica attacco contro l’Istituto delle Donne.

-16 febbraio 2017-CONTRIBUTO “Peggio di quanto si possa immaginare”

-19 febbraio  2017-Comunicato/<Sciopero delle donne? di chi? con chi? per chi?>

“…sono donne tantissimi giudici, magistrati, avvocati, ufficiali giudiziari, direttori di carcere, medici, psicologi, psichiatri…e usiamo il maschile volutamente e non le chiamiamo avvocate, magistrate, psicologhe perché il maschile è il termine deputato per definirle…Anche tutte queste sono state chiamate allo sciopero e sciopereranno per avere riconoscimento e stipendi adeguati e magari anche contro il lavoro di cura che non permette loro di esprimersi adeguatamente nella professione (quale? quella di picchiare i manifestanti in piazza o quella di togliere i figli a chi occupa le case??) Il neoliberismo declina il patriarcato in un modo specifico ed ha inglobato le donne che si prestano attraverso la loro promozione personale ad opprimere le altre donne e i subalterni tutti…  E’ impossibile condurre qualsiasi lotta ignorando la specificità di una società imperniata sull’antisessismo sessista, sulla strumentalizzazione delle nostre lotte e sul tradimento di quelle che concorrono a supportare attivamente e scientemente questa società in ogni ambito. Un abisso profondissimo divide l’insieme delle donne. Nonostante l’oppressione sia trasversale, la risposta non può essere interclassista.”

 

21 febbraio 2017-La Coordinamenta verso l’8 marzo “Vogliamo la luna!!!”

-21 febbraio 2017-Con la resistenza delle donne nel C.I.E. di Ponte Galeria

-22 febbraio 2017-In ricordo di Carla e Valerio

-22 febbraio 2017-DOCUMENTO “Il neoliberismo fascista”“…Il fascismo esplicito e in orbace viene sdoganato dal neoliberismo all’occorrenza. E’ doppiamente utile perché, quando serve, la violenza squadristica può dissuadere il dissenso e allo stesso tempo permette alla socialdemocrazia di presentarsi come salvaguardia dello “Stato democratico” rispetto agli opposti estremismi. E ricordiamoci sempre che la socialdemocrazia tedesca ha spianato la strada al nazismo. Essere antifasciste e antifascisti oggi significa riconoscere dove si annida il fascismo e il nazismo nella nostra società e smascherare, quindi, il PD, annessi, connessi e collaterali.”

-24 FEBBRAIO 2017-DEFEND UNCI MAKA/Difendi Nonna Terra  E’ stato sgomberato dalle forze di polizia il presidio dei Sioux a Standing Rock contro il mega oleodotto DAPL. Dal 7 al 9 marzo le Nazioni Indiane lanciano un programma di solidarietà internazionale con i popoli indigeni di tutto il mondo per difendere Unci Maka/Nonna Terra e per  il 10 marzo è stata organizzata una marcia su Washington. 

-22 febbraio 2017-La Coordinamenta verso l’8 marzo “LA MASCHERA BIANCA”Terza Parte

EMANCIPAZIONISMO: STORIA E PERCORSO/IL CAMBIO DI PARADIGMA : DALLA QUESTIONE FEMMINILE ALL’OPPRESSIONE DI GENERE/LE MASCHERE DELLA STRUMENTALIZZAZIONE NEOLIBERISTA /IL RITORNO ALLA QUESTIONE FEMMINILE?

-1 marzo 2017-La Coordinamenta verso l’8 marzo “LA MASCHERA BIANCA” Quarta Parte […]Nell’aria c’è un’idea falsa quanto perversa che ci ricorda i dibattiti ipocriti del secolo scorso sulla partecipazione delle donne alla politica. Sta prendendo forza l’immagine secondo cui basta la semplice presenza delle donne in questa piramide gerarchica del potere per purificare ogni residuo patriarcale. Anzi, si costruisce un immaginario sociale con quest’idea assurda per cui i seggi, i troni presidenziali o le sale dei tribunali occupati da donne saranno automaticamente sufficienti per combattere le disuguaglianze diseguali, ridurre la corrotta corruzione o impartire la giusta giustizia. Vogliamo una candidata! Vogliamo donne giudice! Vogliamo rappresentanti donne al congresso! gridano euforici gli ipocriti, gli sprovveduti e i complici[…]COOFIA

-2 marzo 2017-“FEMMINISMO MATERIALISTA”INTRODUZIONE PER LA DISCUSSIONE

-3 marzo 2017-La Coordinamenta verso l’8 marzo “Emanciparsi…dall’emancipazione emancipata”

spazio sociale occupato ex51 dalle ore 17,00 proiezioni, letture,dibattito

-6 marzo 2017-CONTRIBUTO “Le cose dette, quelle non dette, quelle taciute e la parole vuote”[…]L’emancipazionismo non è liberazione, ma ne è un surrogato. E’ la donna ridotta come il maschio a consumatrice di merce e lei stessa merce. […]Da tutto questo ci dobbiamo affrancare così come dall’ideologia della neutralità, del progresso, della positività, insita e data per scontata,della presenza delle donne nelle situazioni di comando, di controllo e di repressione. Oggi il sistema ha trascinato il dibattito politico sulla condanna della stessa possibilità di una via che non consideri le attuali istituzioni e situazioni come intangibili e insuperabili, che non prometta fedeltà a questo Stato e a questo sistema. In definitiva non sono in gioco le modalità dello scontro, del conflitto,ma lo scontro e il conflitto stesso […]

-8 marzo 2017-VOGLIAMO LA LUNA!

 Integrazionismo ed emancipazionismo nella fase neoliberista del capitale

 “…Le così dette “democrazie occidentali” hanno impostato in questi anni, attraverso la socialdemocrazia riformista, un meccanismo tanto perverso quanto efficace, con la strumentalizzazione dei diritti umani, delle donne e delle diversità, sia sul fronte interno che sul fronte esterno, creando una società dell’antirazzismo razzista, dell’antifascismo fascista, dell’antisessismo sessista. E’ necessario smascherare questi meccanismi perché il femminismo o è liberatorio o non è. Non c’è più spazio per confondere partecipazione, quote rosa, emancipazione, ragion pratiche, realismo con la resistenza, la ribellione, la ragione rivoluzionaria. NOI VOGLIAMO LA LUNA!

-11 marzo 2017-“Da Ni Una Menos a Lotto Marzo: SGUARDI CRITICI su Radioblackout

-12 marzo 1977/12 marzo 2017 “IL FEMMINISMO CHE C’ERA!”Il 12 marzo 1977 sotto una pioggia battente, centomila militanti, non centomila manifestanti, che è una cosa ben diversa, hanno attraversato Roma per dichiarare la loro alterità ai progetti repressivi e mortiferi scaturiti dal compromesso storico. Il giorno prima a Bologna era stato ucciso Francesco Lorusso. Ma la manifestazione nazionale era già stata chiamata da tempo. Erano compagne e compagni. E c’erano anche le femministe dell’AED Femminismo Roma, che pensavano che lo Stato fosse il nemico e non un interlocutore, che pensavano che il patriarcato fosse intrecciato in maniera inscindibile con il capitalismo, che ritenevano il separatismo strumento indispensabile della lotta femminista, che non credevano affatto nella fine delle ideologie perché l’ideologia non è altro che l’insieme delle idee con cui e per cui lottiamo, che portavano avanti autorganizzazione, autofinanziamento, autonomia con le donne e per le donne, che denunciavano la svendita delle lotte femministe al sistema del capitale…”

-15 marzo 2017-“Coscienza illusoria di sé” INTRODUZIONE PER LA DISCUSSIONE

-16 marzo 2017-In Memoria di DAX-Scrivere storia, raccogliere memorie, fare militanza”

-18 marzo 1871-Le donne della Comune di Parigi

-19 marzo 2017-DOCUMENTI-Riflessioni Femministe sulla Scuola

-21 marzo 2017-Contributo della Consultoria Autogestita “Materialità negata, Materialità normata”

-21 marzo 2017- EUSKADI TA ASKATASUNA

-24 marzo 2017-CONTRIBUTO-“A proposito di Torino”…Il tribunale di Torino ha assolto in questi giorni un uomo accusato di violenza sessuale perché “il fatto non sussiste”. Nelle motivazioni si legge che la donna non avrebbe «tradito quella emotività che pur doveva suscitare in lei la violazione della sua persona». La vittima ha detto solo “basta”, non ha chiesto aiuto, non ha urlato…

-28 marzo 2017-MARZO 1999-MARZO 2017 Jugoslavia e Dynamic Manta

-30 marzo 2017- Giornata della terra-PALESTINA LIBERA, PALESTINA ROSSA!

-31 marzo 2017- Due anni fa, nel 2015, l’inizio ufficiale della guerra nello Yemen

-1 aprile 2017-CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PALESTINESE-SOTTO IL TIRO DELL’OCCUPAZIONENon prendere posizione, non compiere una scelta, significa in realtà accettare la logica del più forte, la logica dell’arroganza, della prevaricazione e dell’aggressione. E noi donne sappiamo fin troppo bene come funziona questo meccanismo. Sappiamo bene cosa significa confondere aggredita ed aggressore quando veniamo messe sullo stesso piano di chi ci avvilisce, ci umilia e ci opprime perché, ci dicono, anche lei avrà avuto le sue colpe, perché, tutto sommato, se l’è cercata….

-3 aprile 2017-In ricordo de “La Pastora Maquis” 1917/2017

-6 aprile 2017-NO TAP nè Qui nè Altrove!!!!

-8 aprile 2017-FUORI L’ITALIA DALLA NATO! I modi sono tanti, ognun* scelga il suo!

-12 aprile 2017-DOCUMENTO-” A proposito dell’Argentina”

-15 aprile 2017-CONTRIBUTO-“SPUNTI SPARSI SULLA LOTTA ANTIMILITARISTA E NON SOLO”

-21 aprile 2017-ANALISI E COMUNICATO-

“Che cos’è per te la militanza?”

 …Sempre più spesso viene usato il termine “attivista” per nominare chi prende parte alle lotte politiche o le costruisce. Nel mondo femminista “attiviste”, ma anche “ragazze”, perfino “amiche”, sono i nomi che vanno per la maggiore. Quasi a definire non una collocazione politica, bensì di gruppo o un generico impegno nel sociale che spesso tracima nel volontariato. Il termine “femminista”, invece, è usato troppo spesso a sproposito come grimaldello per far passare politiche funzionali al potere. Il termine “compagna” è caduto in disgrazia e usato solo in ambiti ristretti. Sempre più si fa ricorso al generico termine “donna”, tornato prepotentemente nelle chiamate per manifestazioni, convegni, o nei volantini e nelle iniziative[…] Confrontandoci su queste problematiche ci siamo rese conto che anche il termine “sorellanza” deve andare incontro ad una ridefinizione. La sorellanza non è determinata dalla mera appartenenza al medesimo sesso biologico ed è necessario, oggi come ieri, riconoscere chi è e chi non è nostra sorella. Il femminismo è fortemente attraversato dalla classe. Che cosa significa, quindi, fare militanza, scegliere da che parte stare, essere militanti?[…] Per questo vi giriamo la domanda che ci siamo fatte“Che cos’è per te la militanza?[…]

-25 aprile 2017-LA NECESSITA’ DI RICONOSCERE IL NEMICO- “…Il capitale sussume tutto il corpo sociale tendendo sempre più a farsi società, anzi a caratterizzarsi come unico rapporto sociale. Il capitale diventa società, mentre lo Stato si fa carico di legittimare e difendere tutte le relazioni di dominio che sono insite nel capitale–società. E’ la realizzazione del progetto/programma nazista: lo Stato sottopone a comando e a controllo preventivo e repressivo tutti i momenti in cui si produce antagonismo sociale, tende all’eliminazione di ogni momento di mediazione tra i cittadini e lo Stato e mira al comando diretto dei potentati economici.[…] è suicida mantenere un qualsiasi rapporto con il PD a qualsiasi livello e non denunciarlo come portatore di un progetto autoritario legato a sanguinosi colpi militari e a crudeltà di tipo coloniale nel terzo mondo e nei paesi occidentali di una società che, dietro la maschera della modernità, è contemporaneamente feudale, ottocentesca e nazista[…]Riconoscere il nemico è una necessità imprescindibile per non combattere a vuoto, anzi facendo gli interessi del potere.   

-28 aprile 2017-Poligono di Quirra-CORTEO CONTRO LE BASI MILITARI E LA GUERRA!

-29 aprile 2017-La lotta delle madri dei/delle detenuti/e palestinesi.

-1 MAGGIO 2017- Anche noi ci saremo

...la Questura non ha autorizzato lo svolgimento del corteo previsto per il 1° Maggio  a Torpignattara volendo limitare la giornata di lotta ad un presidio fisso.
Secondo la Questura, tramite una comunicazione non ufficiale, non ci sarebbero i numeri sufficienti per impiegare la forza pubblica e bloccare la viabilità di un quartiere.
Abbiamo deciso di non accettare queste condizioni e rifiutare l’autorizzazione del presidio statico perché ciò rappresenta l’ennesimo tentativo di limitare gli spazi e l’agibilità e rendere sempre più mansueta ogni forma di dissenso a Roma e nel nostro  quartiere.
Noi, il primo maggio, in piazza della Marranella ci saremo.

-4 maggio 2017-DEDICATA A MAGUETTE NIANG/Silvia Perez Cruz/Corrandes d’exili

-5 maggio 2017-Grande Festa dello Sfasciatoio!

“Sfasciatoio è un progetto per organizzare la cura de* bambin* in modo condiviso, non-direttivo, oltre la famiglia tradizionale, i ruoli di genere e le logiche di mercato.”

Abbiamo condiviso con le compagne dello Sfasciatoio “Il parto è un atto politico!”

– 6 maggio 2017-Sarà manifestazione NoTav!

-6 maggio 2017-Una ragazza minorenne rinchiusa nel CIE di Ponte Galeria

-8 maggio 2017-E’ scattata l’operazione <Mare Aperto>

“Il porto di Cagliari è militarizzato: sono iniziati in sordina i preparativi per la gigantesca esercitazione Mare Aperto 2017 che sta per andare in scena nelle acque della Sardegna. Al largo del poligono di Teulada – dove i militari si alleneranno negli sbarchi – ma non solo. Questo almeno emerge dalla lettura delle ordinanze d’interdizione della navigazione diramate della Guardia costiera cagliaritana e di quella di Sant’Antioco: transito vietato anche davanti alle coste di Santa Margherita, di Terra Mala e di Costa Rei. Il gioco di guerra è grande, anche stavolta”

-9 maggio 2017-BAMBULE/IN RICORDO DI ULRIKE MEINHOF

-9 MAGGIO 2017-UNA CITTA’ DA PAURA!-MOSTRA SUL DECRETO MINNITI E LA SICUREZZA URBANA ESPOSTA A TRENTO

-12 maggio 1977/12 maggio 2017-Per Giorgiana e per noi:

NO AL COLLABORAZIONISMO CON QUESTO STATO NE’ ORA NE’ MAI!

-14 maggio 2017-La solidarietà è un delitto!

-16 maggio 2017- Questa sera al Centro di documentazione palestinese incontro con la regista Monica Maurer“Tu che chiedi della nostra primavera, di quella che fu e di quella che sarà: la primavera tornerà all’aranceto, è questo il dono delle stagioni”

-18 maggio 2017-“Un passo avanti: dalla parte delle donne che reagiscono alla violenza-Contributo di Nicoletta Poidimani

-19 maggio 2017-Solidarietà alle lavoratrici di ACI Informatica!

-19 maggio 2017-VICINANZA E SINTONIA-Solidarietà con le giocatrici della Dinamo Dora Rugby

-24 maggio 2017- IN RICORDO DI COLETTE GUILLAUMIN…Il 10 di questo mese di maggio è morta Colette Guillaumin esponente del femminismo materialista francese, pressoché  sconosciuta in Italia e, non a caso, tradotta pochissimo. Il suo contributo per un’analisi femminista per un’analisi degli intrecci di genere, razza e classe è stato ed è fondamentale.

-25 maggio 2017-Solidarietà a Marinella Correggia- Tutta la nostra solidarietà a Marinella Correggia colpita da denunce e sottoposta all’allontanamento per un anno dalla città di Roma per aver manifestato ieri, con altri compagni anch’essi denunciati, al passaggio del presidente degli Stati Uniti in via Nazionale.

-25 maggio 2017-NO G7 Taormina! Un altro mondo è necessario!

-28 maggio 2017-LA COMMUNE N’EST PAS MORTE!

-28 MAGGIO 2017- CONTRIBUTO “VACCINI”..Trovo davvero folle la miopia politica di questo secolo. Ma nessuno aveva pensato che tutta questa attenzione ai vaccini avrebbe creato poi una legge classista? O eravate troppo presi a dire ad una minoranza di persone che erano pazzi complottisti? Purtroppo spesso cadiamo nella trappola del sistema che dice che dobbiamo essere ragionevoli, democratici e non dare fastidio seguendo la “giusta” logica[…]

-30 maggio 2017-Voltairine De Cleyre

-2 giugno 2017-NIENTE DA FESTEGGIARE!

-2 GIUGNO 2017-A FORAS FEST!

-4 giugno 2017-IN RICORDO DI CARLA!

-5 giugno 1975/5 giugno 2017- PER MARA!

-5 giugno 2017-SOLIDARIETA’ E CONDANNAOrlando Josè Figueras, il ragazzo linciato e bruciato vivo in Venezuela perché chavista dai così detti manifestanti contro il governo di Maduro, non ce l’ha fatta, è morto l’altra notte all’ospedale. Tutta la nostra disperata solidarietà e vicinanza alla madre domestica in una “buona famiglia” che dopo l’accaduto ha pensato bene, tra l’altro, di licenziarla in tronco  e tutta la nostra condanna senza appello  a chi nel movimento e nel movimento femminista si trincera dietro il né-né che significa ignorare volutamente e scientemente i termini del conflitto di classe.”

-7 giugno 2017- “NON HO VISTO NIENTE” di Angela Giordano, ovvero sul come essere NOTAV comporti perdere il lavoro. 

-10 giugno 2017-Con Maya! Giù le mani dai nostri corpi e dalle nostre vite!

-12 giugno 2017-Un’importante testimonianza  da Macerie Torino“Sul prelievo coatto del DNA”

-16 giugno 2017-Palestina:una terra occupata, un popolo in lotta Al Giardino Liberato di Via Alessi (incrocio con Via dei Savorgnan) Roma (Villa Certosa)

-17 giugno 2017-CONTRIBUTO “DEMOCRATICITA’ DEL CONFRONTO”…assistiamo da anni ad una campagna tartassante che ci invita a saper gestire i conflitti in maniera nonviolenta, ad essere assertiv*, ad imparare la PNL…e questo accade sopratutto nei luoghi di lavoro. Qui appare assolutamente evidente il fine dei padroni che, mascherando il tutto come tecniche per aumentare il nostro benessere e vivere meglio, tentano di manipolarci e di portarci a rigettare i conflitti[…]  L’obiettivo è farci tollerare le ingiustizie, renderci docili esecutori dei nostri compiti, della nostra schiavitù lavorativa, allontanare la consapevolezza che reagire a tutto questo sia quanto di più naturale esiste nell’essere umano. Si tratta di una rieducazione profonda dell’essere, che snatura profondamente il nostro bisogno di vita e di libertà e di ribellione.

-18 giugno 2017-In ottobre una nuova grande esercitazione militare in Sardegna “JOINTSTAR 2017 Prepariamoci per un autunno movimentato, NESSUNA PACE PER CHI VIVE DI GUERRA.

-21 GIUGNO 2017-L’ESTATE E’ APPENA COMINCIATA!Cos’è successo in piazza Santa Giulia? Quello che è successo in Piazza Santa Giulia a Torino dovrebbe farci riflettere una volta di più come donne e come femministe. Il controllo serrato a tutto campo è parte integrante  dell’ideologia neoliberista e si espande in ogni anfratto della quotidianità, la pretesa di normare ogni aspetto della nostra vita è una scelta di fondo e strutturale e quindi anche nel nostro specifico è impossibile ogni tipo di contrattazione con questo sistema perché non fa altro che rafforzare e incentivare il controllo su di noi e diventa di fatto collaborazionismo.

-23 giugno 2017CON NADIA LIOCE/IL 41BIS E’ TORTURA!All’Aquila, il 7 luglio, Nadia Lioce verrà processata per “Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone e oltraggio a pubblico ufficiale”. Reati relativi a battiture di protesta, che la detenuta avrebbe messo in atto dopo l’applicazione delle circolari del DAP del 2011 e del 2014.In 10 anni, il materiale cartaceo conservabile nelle celle della sezione femminile del 41-bis del carcere dell’Aquila, è passato da 30 a 3 riviste, da 20 a 3 quaderni, agli atti giudiziari dell’ultimo anno e a un solo dizionario.

-25 giugno 2017La CONSULTORIA IN PAUSA...Dopo molti anni, lo sportello della Consultoria si prende una pausa. Al momento, le nostre forze non ci permettono di portarlo avanti, ed è anche tempo di fare un “bilancio” degli anni di questa esperienza. Siamo fiduciose di riaprirlo e trasformarlo perché ci appartenga di più, perché sia più vicino alla realtà che abbiamo esperito in questi anni. vorremmo coinvolgere altre donne, ginecologhe, e ostetriche.” 

Vi aspettiamo compagne!

-5 luglio 2017-In ricordo di Carmen Bueno Cifuentes

-5 luglio 2017-Da tenere a mente/un altro importante contributo di una compagna sul prelievo coatto del DNA

-7-8-9 luglio 2017-dalle compagne delle Dumbles “No si vent le tiare là cal cjamine un Popul” Non si vende la terra dove cammina un popolo/ una festa dedicata a Sioux, Curdi e Palestinesi e a tutte le comunità in lotta per l’autodeterminazione, la libertà, l’uguaglianza, la difesa del pianeta.

-5 luglio 2017-Documento-“LA VIOLENZA DELLO STATO HA SUPERATO OGNI UMANA PERCEZIONE”…Uno Stato che oggi ha fatto morire un detenuto, noto indipendentista sardo di 74 anni, incarcerato per cumulo di brevi condanne, in sciopero della fame e della sete da 66 giorni, svela tutta la portata della sua violenza e non pensiate che questo sia un caso limite, una tragica fatalità, bensì non è altro  che la modalità che dovremo aspettarci ogniqualvolta metteremo in atto alterità. antagonismo, rivolta e non ci illudiamo che le nostre lotte vengano trattate in maniera diversa, tanto più queste metteranno in discussione il pensiero unico e dominante tanto più saranno demonizzate, calunniate, represse.

-7 luglio 2017-Amburgo-NO G20! BENVENUTI ALL’INFERNO!

-8 LUGLIO 1975ANNAMARIA MANTINI

-10 luglio 2017-E’ STREET! RIPRENDIAMOCI L’ESTATE

-11 luglio 2017– DOCUMENTO“La legge che non c’è… tanto per dire che c’è una legge” ” O meglio, la legge contro la tortura ora c’è, ma è una vergogna…Dopo tantissimi anni di mobilitazioni e fuori tempo massimo è stata varata una legge sulla tortura che dire vergognosa è dire poco: …la pluralità delle condotte…  la prescrivibilità… la verificabilità del trauma psichico… il reato generico invece di un reato specifico addebitabile ai pubblici ufficiali…ma è inutile addentrarsi nei singoli punti, bensì è il concetto informatore di base che è importante svelare e cioè che il potere non ha nessuna intenzione di codificare una chiara condanna della tortura e di chi la mette in atto perché la tortura è una modalità che si riserverà sempre di usare quando riterrà più opportuno, perché la tortura è una pratica politica..”

-11 luglio 2017-Contributo “L’unico vaccino che ci piace” di Nicoletta Poidimani

-11 luglio 2017-In ricordo di “Sole”

-16 luglio 2017-LE RIFLESSIONI DELL’ESTATE– PER QUESTA CALDA E BURRASCOSA ESTATE ABBIAMO SELEZIONATO E RAGGRUPPATO ALCUNE DELLE RIFLESSIONI CHE COME COORDINAMENTA ABBIAMO FATTO DURANTE  QUESTO ANNO POLITICO PERCHE’ POSSANO ESSERE SPUNTO DI PENSIERI E MAGARI DI CONDIVISIONE.

-Genova 20 luglio 2001/20 LUGLIO 2017-A TUTTI I NOSTRI FIGLI E FIGLIE- dalle Madri per Roma Città Aperta

-24 luglio 2017-CONTRIBUTO-“Critica alla Maternità 1”A sei mesi di distanza provo finalmente a chiudere quelli che erano appunti sul mio parto. La maternità mi ruba tempo e poi volevo mettere bene a fuoco sia le implicazioni personali, sensazioni, emozioni e paure sia quelle di carattere più sociale. Cominciamo dal principio.[…]

-27 luglio 2017-NOG20-Presidio davanti all’ambasciata tedesca/Liberi tutti e tutte! –

27 luglio 2017-Documento/SANZIONI AMMINISTRATIVE CONTRO I NOTAP “C’è una sottovalutazione di tutto questo sia per quanto riguarda chi, di questo, è stato ed è l’artefice, vale a dire la socialdemocrazia riformista e quindi il PD, sia per quanto riguarda l’impatto sulle lotte….”

-28 luglio 2017GLI STUPRI DELLE DIVISE 2 Questa la notizia: a Livorno un comandante dei carabinieri ha per anni abusato di lavoratrici usando il suo ruolo di appartenente all’arma che affianca l’ispettorato del lavoro della città toscana. A quanto riferito dalle donne che sono passate per questa terribile esperienza, garantiva lavoro in cambio di sesso. …”

-28 luglio 2017MANIFESTAZIONE NOVAX-Alcuni manifestanti aggrediscono deputati PD che escono dalla Camera. E anche noi lo ribadiamo FUORI IL PD DALLE NOSTRE VITE!!!!

-31 luglio 2017-LA CACCIA ALLE STREGHE NON FINISCE MAI! Appello alla solidarietà diffusa per Davide Delogu in sciopero della fame nel carcere di Augusta(Siracusa) “Come femministe, come compagne, come donne sappiamo fin troppo bene cosa significhi la violenza legale della norma, dello Stato, delle leggi, del sistema di potere. Quello che il dominio vuole sconfitto e rimosso è la semplice esistenza dell’idea di rivolta e nella sua impudenza, della rivolta, non solo vuole la sconfitta , che dà per scontata dati i rapporti di forza, ma pretende addirittura che non si faccia il “tifo”. L’obiettivo è colonizzare ogni zona refrattaria e addomesticare tutti gli spazi selvaggi sia sul piano geografico che politico che nell’universo mentale. Tutti/e quelli/e che osano mettere in discussione i valori neoliberisti vengono etichettati come estremiste/i, violente/i, settarie/i. L’autonomia nei confronti del pensiero unico  è un crimine e come tale viene perseguita.

Ma, essere femministe oggi significa rompere con questi valori mortiferi, solidarizzare con chi questa rottura prova, tenta e si ostina a metterla in atto,  significa rompere l’assuefazione al controllo, ribaltare la colpevolizzazione in cui ci vogliono invischiare, recuperare la capacità di indignarci, spezzare l’ipocrisia in cui ci vogliono imbrigliare.

Appello alla solidarietà diffusa contro l’isolamento punitivo di Davide[…]

-31 luglio 2017-Omaggio a Jeanne Moreau “LE TOURBILLON”

-31  luglio 2017LA CRONACA DA CARACAS di Geraldina Colotti

 

 

 

“I NOMI DELLE COSE” lo spazio di riflessione della Coordinamenta femminista e lesbica-Anno 2016-2017-Nuova Stagione

 Podcast

 -12/10/2016La lotta, oggi, poggia sulla capacità e possibilità di rigettare il controllo che il patriarcato esercita sui codici, sui canali di comunicazione, sulle modalità di decodificazione e interpretazione della storia. La sfera globale della lettura della storia è necessaria per l’esistenza del femminismo.”  Collegamento dalla Sardegna con una compagna della Rete Nobasinéquinéaltrove sui risultati del Campeggio Antimilitarista dal 6 al 10 ottobre 2016, sulla manifestazione a Decimomannu, sull’ Emerald Move, su come una misura restrittiva è necessario che diventi lotta.

-19/10/2016 Riflessioni femministe sul NO al referendum del 4 dicembre

-26/10/2016 Riflessioni femministe su alcune lotte negli USA negli anni ’60 e ’70:Weather Underground, Antimperialismo, Neri/e, femminismo , Vietnam, teoria politica.

09/11/2016 Riflessioni femministe sullo sciopero delle donne in America Latina, in Polonia, in Francia/retroterra e valenze/quando genere e classe non si intrecciano.

-13/12/2016 Presentazione a Viareggio dalle “Donne in Cantiere” degli Atti<I ruoli, le donne, la lotta armata/questioni di genere nella sinistra di classe>Nicoletta, Margherita, Elisabetta, dalla presentazione uno spunto per parlare di violenza agita, violenza subita, vittimizzazione, rapporto con le Istituzioni, egemonia culturale, Patriarcato, ritualità, controritualità, individuazione del nemico, sciopero delle donne, rapporti di genere, rapporti di classe, prospettive…

-04/1/2017  Riflessioni femministe sul femminismo/Apriamo il 2017 partendo da un articolo di Meghan Murphy per indagare su nove punti fondamentali che riguardano il femminismo

-18/1/2017  La storia politica del pantalone/“Che cos’è un pantalone? Noi sappiamo che è un capo di abbigliamento che ci veste dalla vita fino ai piedi separando le due gambe. Questa cosa a prima vista molto banale, ha tuttavia una storia che non è banale affatto perché piuttosto che un capo di vestiario, i pantaloni sono un simbolo. “Chi ha la culotte ha il potere” si diceva prima che i pantaloni rimpiazzassero la culotte che si arresta all’incavo del ginocchio.”

-01/2/2017 “LA MASCHERA BIANCA” Prima parte/Integrazionismo ed emancipazionismo nella fase neoliberista del capitale

-08/02/2017 “LA MASCHERA BIANCA” Seconda Parte/ Il concetto neoliberista di integrazione/il rifiuto/I nativi-e d’America/Il popolo Rom/La società dell’antirazzismo razzista e dell’antisessismo sessista

-22/02/2017 “LA MASCHERA BIANCA” Terza Parte/ Emancipazionismo: storia e percorso/Il cambio di paradigma: dalla questione femminile all’oppressione di genere/Le maschere della strumentalizzazione neoliberista/ Il ritorno alla questione femminile?

-01/03/2017 “LA MASCHERA BIANCA Quarta Parte/ Emanciparsi…dall’emancipazione emancipata!/[…]Nell’aria c’è un’idea falsa quanto perversa che ci ricorda i dibattiti ipocriti del secolo scorso sulla partecipazione delle donne alla politica.

-22/03/2017 “ABORTO LIBERO! IO ABORTISCO PERCHE’ LO VOGLIO E BASTA!”

-19/04/2017  CONTROLLO SOCIALE, IMMIGRAZIONE,TERRITORI/ tre facce della stessa medaglia che con i Decreti Minniti sono state portate a sintesi ideologica e legislativa.

17/05/2017  LE DONNE CHE NON DIFENDE NESSUNO/ la ribellione delle donne al patriarcato si esprime spesso in forme estreme, violente e disperate in cui è dominante la sensazione di impotenza e di non aver vie d’uscita oppure di rabbia repressa per anni

-14/06/2017 CONVIVENZA CIVILE/GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA’/DEMOCRATICITA’ DEL CONFRONTO/ELIMINAZIONE DEL CONFLITTO…dalla campagna pubblicitaria della Heineken, al Manifesto del “Buon Conflitto”, alle norme spagnole di “buon costume” sugli autobus…

 

 

INTERVISTE E SPECIALI

 

12/10/2016 “Speciale/Collegamento dalla Sardegna con una compagna della Rete Nobasinéquinéaltrove sui risultati del Campeggio Antimilitarista dal 6 al 10 ottobre 2016, sulla manifestazione a Decimomannu, sull’ Emerald Move.

26/10/2016 INTERVISTA/ abbiamo intervistato Nora Gattiglia che ha curato e tradotto, insieme a Giacomo Marchetti, “Amore e Lotta” Autobiografia di un rivoluzionario negli Stati Uniti, ed. Mimesis 2016 e abbiamo cercato di collegare ieri e oggi, lotta antimperialista, antirazzista, di genere e di classe.

03/12/2016 Speciale/Podcast del dibattito a Viareggio dalle Donne in Cantiere alla presentazione degli ATTI<I ruoli, le donne, la lotta armata/questioni di genere nella sinistra di classe>

06/01/2017  Speciale /Podcast del dibattito alla presentazione di “Amore e Lotta ” al Nido di Vespe

 

 

LA PARENTESI DI ELISABETTA

-05/10/2016 “Femminismo senza femminismo”

-12/10/2016 @ncheno

-19/10/2016“Pelle nera sociale”

-26/10/2016 “Nessuna è al riparo”

-02/11/2016  “Spezzare la catena di riproduzione”

-09/11/2016  “Il nostro compito”

-16/12/2016  “Siamo stufe!”

-23/11/2016 “Lo stesso vento”

-30/11/2016 “Il lavoro e il tempo della vita”

-21/12/2016 “Lo sciopero delle donne: interclassismo e spoliticizzazione”

-04/01/2017  “Oseremo ancora assolverci?”

-11/01/2017  “Ci stanno raccontando”

-25/01/2017 “Ultima barricata”

-08/02/2017 “Daspo di vita”

-15/02/2017  “Dominanti e dominati”

-08/03/2017 “Le cose dette, quelle non dette, quelle taciute e le parole vuote”

-15/03/2017  “Il crimine”

-22/03/2017  “A proposito di Torino”

-05/04/2017  “Pretoriani”

-19/04/2017  “Cambiare obiettivo per confermare la strategia”

-03/05/2017  “Apartheid di classe”

-10/05/2017  “L’inganno e le bugie”

-31/05/2017  “Sottovalutazione”

-28/06/2017 “Il codice neurale dell’amore ”

-12/07/2017  “Strisce blu”

 

 

BUONA LOTTA  A TUTT*   Le coordinamente

    

 
This entry was posted in Anno politico and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *