Isoliamo i “Violanti”!!

Una studentessa violentemente aggredita !

Bologna, Isoliamo i Violanti: studenti del NO aggrediti dentro l’università/

bologna

Questo pomeriggio i Giovani Democratici (funzionari sul libro paga del partito renziano nascosti dietro alla sigla “Studenti per il Sì”) hanno organizzato all’Università di Bologna un dibattito sul referendum con Luciano Violante a sostenere le ragioni del regime. Violante, com’è noto, oltre a essere uno dei più cupi volti della casta politica dalla prima repubblica fino a oggi (alla faccia della rottamazione), è uno di quelli che tiene in mano le fila della magistratura torinese, particolarmente conosciuta per la sua ferocia repressiva contro i movimenti e negli ultimi anni contro i No Tav – alla faccia della #pertuttilibertàdiparola, slogan scelto dai Giovani Democratici ogni qual volta hanno cercato di impedire agli studenti di esporre le ragioni del No.

Anche oggi la libertà di parola gli studenti e le studentesse se la sono presa. Mentre Violante ha iniziato a esporre la voce del regime, è stato sollevato dall’alto dell’aula uno striscione: “Isolare i Violanti! No Tav liber* #cèchidiceno“. I funzionari dei Giovani Democratici hanno subito tentato di intervenire, invano. Mentre Violante iniziava il secondo giro di interventi, gli studenti hanno cercato di entrare dalla porta principale con il semplice obiettivo di affiggere sul muro la propria libertà di parola. A quel punto, sotto gli occhi della digos e incitati dai funzionari dei Giovani Democratici, due guardiani privati (pagati dall’UniBo, cioè con i nostri soldi), hanno aggredito gli studenti, colpendoli con calci e pugni; in particolare, una giovane studentessa di Scienze Politiche è stata violentemente colpita e scaraventata per terra. Senza esitazioni e con determinazione, gli studenti hanno riconquistato l’ingresso dell’aula. Anche il professor Pasquino, intervenuto al dibattito come docente per il no, ha sostenuto la legittimità libertà di espressione dei giovani (quelli veri, non con la tessera di partito in tasca). Lo striscione è stato quindi esposto dietro alla cattedra, di fronte all’impotente livore dei piccoli funzionari del PD.
La giornata di oggi mostra almeno quattro cose.

Innanzittutto, la casta politica ha sempre più paura del No. L’UniBo, apertamente schierata dalla parte di un sì a cui sono concesse aule e crediti formativi, è arrivata al punto di arruolare delle guardie private per aggredire gli studenti che sostengono il No. In terzo luogo, la libertà di parola a cui fanno riferimento i Giovani Democratici – corpo estraneo all’università – è la libertà del regime renziano: la violenza sta tutta dalla parte dei Violanti. In quarto luogo, soprattutto, la strada è quella giusta: mandiamo a casa il governo Renzi, sbarazziamoci del PD!

da fb HoboBologna Occupato

This entry was posted in Capitalismo/ Neoliberismo, Scuola and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *